Caricamento della libreria jquery

Percorsi di motivazione e integrazione

28 gennaio 2016

Provincia di Reggio Calabria - Laboratorio di motivazione e integrazione

Testo pù grandeTesto più piccoloprint

Condividi su:

   
 
 

Agenzia formativa: Scuola Superiore di Psicologia Applicata “G. Sergi” PALMI
Provincia: Reggio Calabria
Docenti e formatori: Prof.ssa Assunta Carrà, Dott.ssa Sofia Ciappina, Dott.ssa Eliana Ciappina
Scuole e partecipanti coinvolti: Istituto di Istruzione Superiore “BOCCIONI -FERMI”, Istituto di Istruzione Superiore “EUCLIDE” – BOVA MARINA, Istituto di Istruzione Superiore “L. Einaudi” – PALMI, Istituto Tecnico Statale per il settore economico “PIRIA”

Il Laboratorio ha avuto come finalità:

  • favorire la partecipazione attiva ed interattiva dei ragazzi per promuovere il loro ruolo di cittadini attivi
  • potenziare la consapevolezza e la conoscenza dei diritti e delle responsabilità che comporta il vivere in una comunità organizzata

Per raggiungere tali finalità, è stato svolto un lavoro con i ragazzi per migliorare la motivazione e l’autostima, promuovere il dialogo interculturale, aumentare la capacità di relazione e di confronto, favorire la relazionalità, conoscere gli aspetti della comunicazione e della relazione, conoscere e promuovere i diritti dell’uomo e nello specifico quelli dell’infanzia e dell’adolescenza.

Palinsesto

Il Laboratorio si è strutturato in n. 3 incontri.

  1. presentazione dei laboratori. Motivazione – autostima – relazionalità.
  2. La comunicazione e i suoi aspetti
  3. I diritti e i bisogni

 

Descrizione

Obiettivi:

  • abituare gli allievi a lavorare in gruppo
  • promuovere il dialogo – interculturale e l’educazione alla diversità
  • favorire negli allievi il mutuo aiuto e sostegno reciproco
  • favorire la motivazione intrinseca ed estrinseca
  1. Presentazione dei laboratori. Motivazione – autostima – relazionalità. Riflessioni sull’intercultura

Durante il primo laboratorio, gli esperti hanno guidato i ragazzi in un percorso volto a comprendere la relazionalità – la relazione educativa - valutare la propria autostima e autoefficacia, e la motivazione. Tale azione è stata realizzata con ausilio di test.

Inoltre, sono state stimolate le riflessioni sull’intercultura. Ai ragazzi è stato somministrato un questionario di auto-percezione dell’intercultura - che affrontava i temi dell’emigrazione, del diverso, della discriminazione, il razzismo, ecc. -. Su tali tematiche sono stati realizzati un dibattito ed un confronto tra allievi di diversa provenienza.

  1. La comunicazione ed i suoi aspetti

Durante l’incontro, è stata affrontata anche la tematica della comunicazione e dei suoi aspetti (i concetti basilari della comunicazione, la comunicazione verbale e non verbale, i differenti tipi di comunicazione, ecc.). La lezione, strutturata attraverso slides, è stata interattiva. I ragazzi sono stati coinvolti in riflessioni sull’argomento.

Sono state inoltre fornite indicazioni sulle tipologie di video – e sulla comunicazione da utilizzare – quali prodotti finali del loro percorso di studio.

  1. I diritti e i bisogni

Durante tale incontro è stato affrontato il complesso tema dei diritti. Grazie all’ausilio di slides e immagini, i ragazzi sono stati coinvolti nel percorso “dai bisogni ai diritti”, alla loro codifica. E’ stata approfondita la Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (CRC), sconosciuta a molti, e, pertanto, gli allievi hanno avuto modo di acquisire competenze in merito ai loro diritti di adolescenti. Sono stati inoltre invitati ad elaborare riflessioni sui diritti.

 

Sono stati utilizzati test e questionari, slides, immagini anche attraverso documenti sui quali elaborare riflessioni; sono state eseguite attività di brainstorming, discussione, lezione interattiva, lavori di gruppo per la produzione dei video.